Integrare principi ESG e adottare un modello di economia circolare è per le imprese un’opportunità di crescita, non solo per evolversi in linea con le normative europee ma anche per ottimizzare risorse e generare maggiore valore economico.

Con questa consapevolezza, Banca Progetto, dopo la creazione del nuovo portale BusinessPlace dedicato alle piccole e medie imprese, ha siglato una partnership con Circularity, startup innovativa e società benefit dedicata all’economia circolare. “Siamo entusiasti di questo accordo, abbiamo conosciuto il team di Circularity, realtà giovane e dinamica, e siamo stati conquistati dal loro approccio e dalle loro idee”, ha dichiarato Paolo Fiorentino, CEO di Banca Progetto, digital bank specializzata nei servizi alle PMI italiane e alla clientela privata, da sempre impegnata nella sostenibilità sia ambientale sia sociale.

Circularity è infatti la prima piattaforma tecnologica di collaborazione peer to peer pensata per le aziende che raggruppa in un unico luogo tutti gli strumenti utili a integrare la sostenibilità ambientale nel proprio business: formazione, tool di misurazione e consulenza tecnico-strategica per l’economia circolare e le tematiche ESG. Circularity riunisce tutti gli attori coinvolti nell’economia circolare per scambiare materiali da riutilizzare nei processi di produzione e tracciare e rendere trasparenti i flussi dei materiali. Obiettivo: supportare le imprese nella transizione verso modelli e processi di produzione e consumo circolari.

La partnership Banca Progetto-Circularity

Con BusinessPlace le aziende clienti di Banca Progetto rimangono sempre aggiornate sui propri finanziamenti e hanno a disposizione prodotti e servizi selezionati e a misura di piccola impresa. La nuova partnership prevede che le aziende registrate su BusinessPlace possano accedere anche alla proposta di Circularity, usufruendo di servizi ad hoc e di un pacchetto all inclusive a costi agevolati. Nel pacchetto sono inclusi una piattaforma di simbiosi industriale per la valorizzazione dei rifiuti industriali; informazione approfondita sull’impatto ambientale dell’attuale gestione dei rifiuti; tool digitali per la rendicontazione delle proprie performance ESG e del proprio livello di circolarità; corsi di formazione online e webinar dedicati alla sostenibilità.

“Il nostro approccio è di porci come ESG Manager all’interno delle nostre aziende clienti ‒ spiega Camilla Colucci, CEO e co-founder di Circularity ‒ con l’obiettivo di supportarle nell’attivazione di iniziative concrete e misurabili per ridurre il proprio impatto ambientale e migliorare le performance di circolarità e sostenibilità.”

Con l’aggravarsi della crisi climatica e di quella ecologica, il tema degli scarti prodotti dalle aziende, del loro riuso e riciclo, è sempre più attuale. Nel 2023, pur restando tra i Paesi leader in Europa, l’Italia ha fatto passi indietro nell’economia circolare. La strada, quindi, è ancora lunga: creare consapevolezza e offrire supporto nella transizione è uno dei primi step da compiere.

 

Leggi anche: FINANZA SOSTENIBILE, VERSO UN MONDO A DUE VELOCITÀ IN CUI L’EUROPA SUPERA GLI USA

 

Nell’immagine di copertina: Paolo Fiorentino e Camilla Colucci

 

Circularity è una controllata di Innovatec, gruppo di cui fa parte anche RM Editori

 

© riproduzione riservata