E infatti il Time ha dedicato la copertina a Trump come uomo dell’anno: è il “presidente degli Stati divisi d’America”. Nella motivazione si legge: “Davanti a questo barone dell’immobiliare e proprietario di casinò diventato star di un reality e provocatore senza mai aver passato un giorno da pubblico ufficiale e gestito altro interesse che non il suo, si prospettano le rovine fumanti di un vasto edificio politico che un tempo ospitava partiti, politologi, donatori, sondaggisti, tutti quelli che non lo avevano preso sul serio e non avevano previsto il suo arrivo”.È difficile prevedere quali effetti produrrà la gestione della Casa Bianca che si è appena inaugurata: molti ritengono che sarà meno disastrosa delle premesse. Certo la mossa Pruitt non lascia grande spazio all...