Torna per la seconda edizione il Recò Festival e lo fa in doppia veste: a Prato e dintorni, dal vivo, dal 6 all’8 novembre; ogni lunedì, a partire dal 5 ottobre, in versione radiofonica e in streaming sui social.
I protagonisti di quest’anno saranno non solo i
distretti manifatturieri della Toscana circolare - il tessile di Prato, il cartario di Lucca e il Conciario di Santa Croce sull’Arno – ma più in generale la cultura dell’innovazione come chiave per la ripartenza.

Turismo industriale, concerti, dirette radio e streaming: economia circolare in scena

Nonostante lo stop per il lockdown che ha determinato il rinvio della manifestazione, il Recò Festival si è riorganizzato in una formula ancora più ricca. In programma decine di eventi in presenza (a novembre), oltre 30 dirette radiofoniche e una serie di podcast sul web con tanti ospiti e protagonisti sui temi dell’innovazione e dell’economia circolare.
Confermati i principali appuntamenti live: dal concerto “Un albero, una ciaccona”, dialogo tra la Natura e Bach, spettacolo a cura di Mario Brunello e Stefano Mancuso, in prima assoluta venerdì 6 novembre al Teatro Metastasio, alla performance di live painting dello streetartist Luca Barcellona, in programma sabato 7 novembre.
Da non perdere i percorsi di
turismo industriale Open Factories, che domenica 8 novembre porteranno il pubblico nelle aziende del distretto tessile di Prato, tra i più all’avanguardia al mondo in tema di riduzione degli sprechi, riutilizzo e riciclo.
Nel frattempo, per tutto il mese di
ottobre, i protagonisti del festival si alterneranno ai microfoni di Controradio tutti i lunedì alle 9.30 e tutti i martedì e i giovedì alle 12.00 su Radio Toscana. Le dirette saranno trasmesse anche sui canali social della manifestazione, che si arricchiranno inoltre di dibattiti e approfondimenti in streaming nelle prossime settimane.
Il festival è organizzato da Regione Toscana – Toscana Promozione Turistica con il coordinamento del Comune di Prato e con la direzione artistica di Alessandro Colombo. “La Toscana – spiegano gli organizzatori - con i suoi distretti circolari mostrerà il suo aspetto più innovativo, un territorio della manifattura sostenibile che anticipa e definisce nuovi modelli e propone una ricetta per la ripartenza nel mondo post-pandemia”.

Programma completo sul sito di Recò Festival