Le spiagge dorate e le calette di ciottoli bianchi dell’isola d’Elba saranno teatro del plogging più lungo del mondo. La perla del Tirreno ospiterà infatti, il 29 aprile, la tappa inaugurale dell’ottava edizione della Keep Clean and Run, l’ultramaratona che fa bene all’ambiente. Un percorso di 50 km di corsa che toccherà tutti i comuni dell’Elba, ripulendo pinete, spiagge e scogliere dai rifiuti. Un evento aperto a tutti per riscoprire e proteggere la biodiversità di questo bellissimo territorio e sensibilizzare alla lotta contro il littering.

Una corsa contro il littering

Nato in Svezia, il plogging è una disciplina sportiva che abbina la corsa alla raccolta dei rifiuti. Con il nome di Keep Clean and Run, il plogging si è diffuso negli ultimi anni anche in Italia, grazie all’impegno di Roberto Cavallo e della cooperativa Erica, che dal 2015 portano l’evento in tutta la penisola per sensibilizzare la popolazione alla cura e alla pulizia del territorio.
L’Isola d’Elba, paradiso dell’
ecoturismo e degli sport outdoor, non poteva dunque mancare nell’elenco delle località che hanno ospitato negli anni la corsa contro il littering. L’ottava edizione della Keep Clean and Run partirà, venerdì 29 aprile, dalla spiaggia di Cavo del comune elbano di Rio, all’estrema punta nord, e attraverserà l’isola lungo la sua dorsale verde, percorrendo la Grande Traversata Elbana. L’itinerario escursionistico per eccellenza dell’Elba verrà percorso dai partecipanti per circa 50 km fino alla spiaggia di Marciana Marina, toccando tutti e sette i comuni elbani e mostrando l’incredibile varietà di ecosistemi di queste terre, tra pinete, colline, spiagge e scogliere.
Protagonista assoluto di questa edizione sarà ovviamente il mare. Sul problema del marine littering, e in particolare sull’inquinamento da plastica che minaccia gli ecosistemi marini, si focalizza la Keep Clean and Run 2022, mostrando come il miglior modo per pervenire questa forma di inquinamento sia quello di intercettare i rifiuti prima che finiscano in acqua.
Le oltre 200 spiagge dell’isola, dai lunghi arenili di sabbia dorata alle spiagge di sabbia nera, dalle calette di ciottoli bianchissimi alle scogliere di granito, saranno battute attentamente dai partecipanti alla corsa per ripulirle da bottiglie di plastica, mozziconi e ogni sorta di rifiuto abbandonato.
Insieme a Roberto Cavallo, Ceo della cooperativa Erica, correranno
due testimonial d’eccezione: Giulia Vinco, ultrarunner e finisher del Tor des Gèants nel 2017 (il trail endurance più duro al mondo), e Lino Cianciotto, guida ambientale e atleta paralimpico.
La
partecipazione è libera e i runner si potranno unire anche solo per una tratta del percorso, inviando una mail all’indirizzo segreteria@envi.info con liberatoria e informativa scaricabili dal sito keepcleanandrun.com.

Immagine: Keep Clean and Run 2021, ph Stefano Jeantet