Il verde della sostenibilità e il blu della rivoluzione digitale si incontrano a Milano per una tre giorni di conferenze, talk, musica e spettacoli, dal vivo e in streaming. Dal 25 al 27 settembre, il Verde e il Blu Festival occuperà i suggestivi spazi di BAM Biblioteca degli Alberi Milano e di The Theatre per parlare di “buone idee per il futuro del pianeta”.

Visioni per il domani

Se il mondo godrà di uno sviluppo sostenibile per la terra e preferibile per l’umanità, sarà perché saremo riusciti a creare un circolo virtuoso tra natura e tecnologia, in un progetto umano per il Ventunesimo secolo”, scrive il filosofo Luciano Floridi, direttore del Digital Ethics Lab, Internet Institute dell'Università di Oxford.
O
rganizzato dall’agenzia creativa Beulcke+Partners in partnership con BAM e ispirato all’ultimo libro di Floridi (“Il verde e il blu”, appunto), il Festival vuole aprire una discussione su nuove visioni possibili per il domani: dall’economia alla politica, dalla salute alle forme dell’abitare, dalla mobilità alle relazioni sociali.
In tre giorni di incontri, conferenze e testimonianze, si confronteranno su questi temi, oltre allo stesso Luciano Floridi, esponenti del mondo della ricerca, della cultura, dell’economia, della politica come Alessandro Barbero, Marco Bentivogli, Stefano Boeri, Roberto Cingolani, Enrico Letta, Paolo Gentiloni, Giorgio Gori, Stefano Mancuso, Giovanna Melandri, lo chef Davide Oldani e molti altri.

Clima, economia, tecnologia: il programma del festival

Il Verde e il Blu Festival – raccontano gli organizzatori - nasce dall’esperienza di 12 edizioni del Festival dell’Energia e si espande con uno sguardo ampio su climate change, economia circolare, rivoluzione digitale, nuovi modelli industriali e finanziari, moda, cibo e mobilità sostenibile, prendendo le mosse dall’urgenza di una ripartenza fiduciosa”.
Tutti temi affrontati in dibattiti o dialoghi a due voci. Quali ad esempio: Enrico Letta con Luciano Floridi per una politica che tenga conto di parametri non solo economici, ma legati al benessere; Laurence Tubiana, CEO dell’European Climate Foundation, e Corrado Passera di Illimity sulla lotta al climate change; Roberto Cingolani e il sindacalista Marco Bentivogli sull’impatto sul lavoro dell’Intelligenza Artificiale; lo storico Alessandro Barbero che ripercorre l’atavico conflitto tra natura e uomo con il giornalista Andrea Vico; Alessandro Profumo di Leonardo e Luciano Floridi sui mega-trend del futuro.
Il programma prevede anche alcune sessioni di taglio istituzionale e d’impresa, come l’assemblea pubblica di Elettricità Futura e il convegno FISE Assoambiente. E altre di taglio più divulgativo con ospiti di primissimo piano e rappresentanti di organizzazioni e imprese leader, tra cui i giovani di Fridays for Future e la Ellen MacArthur Foundation.
Previsto infine, presso il Green Sofa Corner by NeN, un ricco calendario di appuntamenti con startupper e realtà innovative in ambito digital, food, green e salute e di presentazioni di libri. Si segnala in particolare, domenica 27 settembre alle 12.30, la presentazione del volume “Tocca a noi. Siamo stati il problema, possiamo essere la soluzione di Elena Comelli, edito da Edizioni Ambiente.

Il format del Festival è pensato per garantire la fruizione live degli appuntamenti nel rispetto della normativa e per offrire contemporaneamente un palcoscenico più ampio attraverso la distribuzione dei contenuti in streaming e la coproduzione di un programma televisivo che andrà in onda su un broadcast tv nazionale in due puntate. Sul sito è possibile trovare il programma completo al link, prenotare online il proprio posto per gli appuntamenti preferiti o seguire in streaming gli eventi da remoto.

Nell'immagine: la Biblioteca degli Alberi Milano