L’economia circolare. Dove inizia e dove finisce è difficile da determinare. Si potrebbe immaginare un percorso a tre dimensioni nel quale la circonferenza diventa una spirale e il terzo asse è rappresentato dal secondo principio della termodinamica, quello della non reversibilità degli stati fisici, senza apporto d’energia. In questa maniera potrebbero avere ragione i sostenitori dell’economia lineare, per i quali, se c’è una risorsa, la si sfrutta e basta e si godono i frutti di questo “sviluppo” sul breve periodo. Ma, a rovinare questa logica c’è l’energia solare che alimenta tutto il sistema delle rinnovabili e dovrebbe accompagnarci per i prossimi quattro miliardi di anni. E quest’energia è quella che ci servirà, ai fini pratici, per far “girare” l’economia circola...