Radicale, visionario, eccentrico, ironico, inedito e fuori dagli schemi. Sfacciatamente, audacemente e goliardicamente utopistico. Lo si odia o lo si ama, ma certo non lascia indifferenti il progetto di socio-urbanistica immaginaria di Alan Marshall, neozelandese professore e ricercatore in Scienze Sociali alla Mahidol University di Bangkok. “Ecotopia 2121”, nato come programma di ricerca con gli studenti sul futuro ambientale e sociale delle città e poi diventato un volume dalle magnifiche illustrazioni, si compone di 100 visioni avveniristiche di città reali, trasformate in utopie verdi, a volte idilliche altre volte decisamente inquietanti o provocatoriamente assurde. Un lavoro interdisciplinare nel senso più ampio del termine, che fonde arte, narrativa, ecologi...