Se si osserva lo stato attuale dell’economia biobased in Europa, se ne possono trarre diverse conclusioni. La ricerca e la tecnologia progrediscono in alcuni campi, come quello del settore della chimica fine e delle fibre di cellulosa, mentre l’applicazione pratica, specialmente nell’industria chimica e della plastica, si sta dimostrando complessa, soprattutto per l’assenza di un chiaro impegno da parte della politica. Per sostituire il carbone fossile nell’intera industria petrolchimica, è necessario un approccio nuovo. L’economia biobased deve diventare parte di una strategia pluridimensionale per il carbonio rinnovabile e costituirne un pilastro.    Qual è la sua impressione generale sull’attuale stato dell’economia biobased in Europa?  “Molto mista. Ricerca e svi...