La storia del Portogallo è fortemente connessa alla presenza dell’oceano Atlantico. Meraviglioso popolo di navigatori, i lusitani guardano anche oggi a quell’oceano per basare su di esso lo sviluppo della loro bioeconomia. Insieme alle foreste e all’agricoltura, l’acqua è uno degli elementi essenziali su cui punta Lisbona per realizzare la crescita di un’economia basata sulle risorse biologiche, in linea con quelle che sono le linee guida europee. In questo quadro, se è vero che manca una strategia nazionale sulla bioeconomia dedicata, nel 2014 è stata invece pubblicata una National Ocean Strategy 2013-2020 che mira alla valorizzazione economica, sociale e ambientale dello spazio marittimo lusitano per generare entro il 2020 il 50% del prodotto interno lordo. Fino a qu...