Si è chiuso con un podio al femminile il video-contest per progetti e startup ecosostenibili indetto dalla fiera virtuale GECO Expo 2022 (“visitabile” online fino al 30 giugno). Il 4 marzo la giuria presieduta da Antonio Rancati ha proclamato i progetti vincitori degli Smart Talk: per la categoria “idee e startup da sostenere” ha vinto la startup greentech Levante di Sara Plaga, che produce pannelli fotovoltaici trasportabili e modulari ispirati agli origami; mentre per la sezione “startup già avviate e aziende”, il primo posto se lo è aggiudicato il laboratorio di eco-saponi e shampoo solido Sternartica di Federica Campilongo.
Dalle scarpe di fibra di legno riciclabili all’orticoltura, dall’eCommerce sostenibile al riciclo della cenere fino alle tapparelle che producono energia, gli altri premiati hanno offerto un ampio ventaglio di originali soluzioni e progetti in ogni campo della sostenibilità.
Qui di seguito, i vincitori di GECO Expo si presentano ai lettori di
Materia Rinnovabile.

1° premio startup: Levante, gli origami fotovoltaici

levante2

Levante è una startup green tech che progetta e produce pannelli fotovoltaici ispirati agli origami. Facilmente trasportabili, estendibili, e realizzati in fibra di carbonio riciclata, possono essere utilizzati su veicoli o in contesti staccati dalla rete. Progettato secondo i principi dell’economia circolare, i benefici dei nostri pannelli consistono in una maggiore efficienza energetica, in un risparmio di spazio ed in una maggiore durabilità, quest’ultima ottenuta grazie al design studiato per semplificare la riparazione, il recupero e la rigenerazione dei diversi componenti.

2° premio startup: Dotzero, le scarpe di legno completamente riciclabili

dotzero scarpe

Dotzero” o “.0” è il punto dove tutto inizia e tutto finisce: già dal nome si vuole trasmettere una circolarità completa, partire dagli scarti per creare un prodotto che non finirà mai. Il materiale con cui viene prodotta la scarpa è legno, che viene lavorato chimicamente e che successivamente diventa la parte superiore ”tomaia” e le parti inferiori “suola e accessori”. Creare la scarpa con un solo materiale, permette al brand, di inserirla in un apposito macchinario che la distruggerà in tanti piccoli pezzi che potranno diventare la base di nuovi prodotti.

3° premio startup: HortoMio, il kit che insegna l’agricoltura sostenibile

grafica hortomio x materia rinnovabile 1

HortoMio è un progetto che aiuta grandi e piccoli a comprendere l’importanza dell’alimentazione corretta, della sostenibilità e del risparmio idrico. Nasce nel 2015 dalla collaborazione con INDIRE nell’ambito del progetto Maker@scuola, e da subito dimostra gli ottimi risultati del metodo di apprendimento learning-by-doing. Il suo nome riprende la prima lettera della parola “Human” e ha l’obiettivo di far crescere gli umani del futuro, attraverso un’esperienza interattiva e coinvolgente grazie ad un kit “tutto in uno” contenente tecnologia, semi selezionati e nutrienti adeguati a permettere la sperimentazione in ogni contesto.

1° premio aziende: Sternartica, cosmetici solidi ed ecologici

sternartica

Sternartica nasce a maggio 2021 alle porte della Provenza. La fondatrice, Federica Campilongo, è italiana. Il suo obiettivo consiste nel creare dei cosmetici solidi piacevoli da utilizzare e a basso impatto ambientale. Ogni aspetto è curato, dalla scelta dei fornitori fino alla consegna dei prodotti finali. Tutti i cosmetici di Sternartica sono vegan e plastic-free. Gli ingredienti sono certificati biologici (alcuni di essi anche Fair Trade) e sono quanto più locali possibili.
La sterna artica – da cui deriva il nome dell’azienda - è un uccello migratore che pesa solo 100 grammi ma, nonostante le dimensioni, in trent'anni di vita percorre più di 2,4 milioni di chilometri. “Ci insegna – dice Federica - che nessuno è troppo piccolo per fare grandi cose. E ci mostra che, se vogliamo, possiamo davvero cambiare il mondo”.

2° premio aziende: WHATaECO, l’eCommerce (quasi) a impatto zero

whataeco

WHATaECO è il primo eCommerce italiano, già operante in tutta l’Unione Europea, a impatto quasi zero: alimentato a energia pulita, riduce l’impatto dei trasporti lavorando in carbon neutral dropshipping, utilizza packaging plastic-free e promuove un vasto catalogo di prodotti sostenibili e frutto di una filiera etica.
Gestito da un team a maggioranza femminile, WHATaECO offre l’alternativa etica e sostenibile a…tutto! Cosmesi, abbigliamento, arredamento, utensili, prodotti per la pulizia e da poco è stata introdotta anche la categoria cibo e bevande. WHATaECO è alta qualità a basso impatto.

3° premio aziende: SolarGaps, le tapparelle fotovoltaiche

solargaps 1

SolarGaps è la prima tapparella fotovoltaica intelligente al mondo, in grado di seguire automaticamente il sole, producendo energia pulita e rinnovabile e al tempo stesso mantenendo fresco l'ambiente in cui è installata.
Installando le tapparelle SolarGaps sulle finestre esposte al sole, si può risparmiare da subito sul costo dell’energia e dell’aria condizionata. L’elettricità generata può essere trasferita direttamente alla rete elettrica dell’edificio, oppure accumulata in una batteria. E tramite una piattaforma di gestione, i proprietari possono controllare l’utilizzo, la produzione, la vendita e l’accumulo dell’energia.

Immagine in apertura: pannelli Levante su una barca a vela