Entrerà in vigore il 1° aprile 2024 il nuovo assetto organizzativo di CONAI, Consorzio nazionale imballaggi. L’ultima riunione del Consiglio d’amministrazione ha infatti deciso un cambio al vertice. Walter Facciotto lascia dopo 14 anni la direzione, che andrà a Simona Fontana, mentre alla vicedirezione subentra Fabio Costarella.

Simona Fontana manterrà la delega alle attività del Centro studi, e a lei faranno capo le aree Internazionale, Consorziati, Comunicazione, Amministrazione, Recupero crediti, Information technology e Risorse Umane. A Fabio Costarella vanno la responsabilità della sede di Roma e le deleghe ai Rapporti col territorio e all’Accordo ANCI-CONAI, continuando a seguire i Piani di sviluppo per il Centro-Sud.

Fontana ringrazia “il presidente Ignazio Capuano e il consiglio d’amministrazione per la fiducia” e “il direttore Facciotto per la dedizione con cui ha guidato CONAI negli anni […]. L’Italia è un Paese virtuoso, se pensiamo al riciclo degli imballaggi: un settore in cui ci contendiamo la leadership con la Germania. Oggi CONAI deve lavorare per rafforzare questo primato e raggiungere obiettivi di tutela ambientale sempre più ambiziosi, coinvolgendo cittadini, istituzioni e imprese in un’attività sinergica di dialogo, ricerca e sviluppo, prevenzione”.

Chi è Simona Fontana

Classe 1980, laureata in Economia delle amministrazioni pubbliche e delle istituzioni internazionali e con un Master in Economia delle public utilities all’Università Bocconi, Fontana entra in CONAI nel 2008 come analista senior. Negli anni estende le proprie attività all’ambito della prevenzione dell’impatto ambientale del packaging assumendo il ruolo di segretaria tecnica del Gruppo di lavoro prevenzione.

Nel 2014 diventa responsabile dell’Area prevenzione, e nel 2022 dirigente del Centro studi per l’economia circolare di CONAI, di cui fra le altre cose coordina le attività legate ai progetti istituzionali, al reporting, agli studi e alle ricerche sull’economia circolare. Segue le attività di sviluppo e promozione degli strumenti per le imprese in tema di ecodesign e la modulazione del contributo ambientale CONAI, interfacciandosi con associazioni e ministeri, oltre che con le autorità competenti.

Chi è Fabio Costarella

Classe 1973, laureato in Economia aziendale con una tesi sulla Gestione industriale dei servizi di raccolta differenziata nelle aree urbanizzate, entra in CONAI nel 1999 per gestire tutta l’attività legata ai consorziati per poi passare a guidare l’area Recupero crediti. Nel 2003 riceve una delega alle aree del Centro-Sud e si trasferisce nella sede di Roma, da dove supporta i Comuni nello sviluppo di modelli di raccolta differenziata dei rifiuti e le strutture Commissariali che gestiscono le fasi più critiche delle emergenze rifiuti. Dirigente dal 2019, affianca alle attività di relazione con ANCI e con il Ministero competente anche quelle legate all’aiuto ai Comuni di Campania, Puglia, Calabria e Sicilia per accedere ai finanziamenti del PNRR con progetti per la raccolta differenziata.

Fabio Costarella

 

Immagini: CONAI

 

© riproduzione riservata