Materia Rinnovabile numero 21 / maggio-giugno

W.r.yuma: occhiali da bottiglie di plastica e cruscotti

di Antonella Ilaria Totaro

Nome: W.r.yuma

Plus: Prodotti da materiali riciclati

Settore: Primi occhiali da sole al mondo da stampa 3D di rifiuti di plastica

Caratteristiche: I vecchi cruscotti delle auto, le bottiglie di plastica e gli sportelli dei frigoriferi sono puliti, fatti a pezzi e trasformati in nuovi inchiostri per stampante 3D da partner terzi belgi e olandesi e W.r.yuma ne fa occhiali da sole di alta qualità

 

 

“I nostri occhiali non cambieranno il mondo, lo cambieranno le persone che li indossano”: è questa l’idea di Sebastiaan de Neubourg, fondatore di W.r.yuma, che ha lanciato, prima azienda al mondo, gli occhiali da sole con montature stampate in 3D e inchiostro proveniente dal riciclo della plastica a livello locale.

Con il nome che prende spunto da Yuma, Arizona, US, il posto più soleggiato al mondo, la startup belga disegna e realizza occhiali che puntano su sostenibilità, modularità e stile. E lo fa servendosi di alcuni partner tra Belgio e Olanda.

I vecchi cruscotti delle auto, le bottiglie di plastica e gli sportelli dei frigoriferi sono puliti, fatti a pezzi e trasformati in nuovi inchiostri per stampante 3D dalla Better Future Factory di Rotterdam, mentre la startup Tridea di Bruxelles fornisce inchiostro per stampanti 3D da bottiglie di plastica. Con i diversi rifiuti si ottengono montature di colore diverso: nere con i cruscotti delle auto, semi-trasparenti con il PET riciclato, mentre i frigoriferi permettono di stampare il testo sulle stanghette degli occhiali.

Gli occhiali da sole sono progettati e assemblati a mano ad Anversa, utilizzando lenti italiane di alta qualità con protezione UV 100% e avvalendosi per l’assemblaggio, il confezionamento e la spedizione dell’impresa sociale Flexpack.

Il progetto del fondatore, un ingegnere 33enne, riguarda anche il fine vita degli occhiali che sono disegnati per essere disassemblati. I clienti saranno in grado di scambiare gli occhiali da sole con un nuovo modello a prezzo scontato, mentre le vecchie montature, tornate indietro, potranno essere riciclate. Un vantaggio importante della stampa 3D consiste, infatti, nel poter realizzare edizioni limitate di montature personalizzate da riciclare facilmente dopo l’uso.

I primi occhiali da sole W.r.yuma, consegnati in tutto il mondo agli inizi del 2018, sono stati finanziati su Kickstarter, piattaforma di crowdfunding, attraverso una campagna il cui obiettivo di finanziamento è stato raggiunto in 24 ore. 

Nell’estate del 2018, W.r.yuma, che punta su stile e giovani, sarà presente a festival musicali in tutta Europa, dove stamperà occhiali da sole da tazze riciclate. “Il futuro è realizzare occhiali da sole con il bicchiere di plastica da cui hai bevuto la tua birra”, dicono. 

 

www.wryuma.com

Iscrizione alla Newsletter