Materia Rinnovabile numero 21 / maggio-giugno

Il cimitero dei frigoriferi cannibalizzati

di Antonio Pergolizzi

In Europa – e ancor peggio in Italia – buona parte dei rifiuti elettrici ed elettronici finiscono nel mercato illegale fortemente condizionato dai prezzi delle materie prime, quali ferro e rame. E il prezzo ambientale e sociale legato agli smaltimenti illeciti lo pagano tutti i cittadini. 

 

L’immagine del cimitero di frigoriferi cannibalizzati e gettati in un sito industriale abbandonato – alle porte di Roma, a due passi dalla Villa di Adriano a Tivoli – raccontano bene cosa sono, oggi, i piranha dell’economia circolare in nero. Si ingozzano di tutto ciò che abbia valore (compressori e metalli) e sputano il resto (scheletro di poliuretano e...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter