Materia Rinnovabile numero 20 / febbraio-marzo

Quando un Party allunga la vita

di Veronica Ulivieri

Focus obsolescenza programmata

 

Stampanti impossibili da riparare, apparecchi difficili da smontare, scarse informazioni per le riparazioni e pezzi di ricambio non disponibili. Strategie aziendali e stili di vita improntati a un consumo esasperato spingono su prodotti progettati a termine. Ma proprio designer e consumatori possono invertire la rotta. E già in molti ci stanno provando. 

 

Nel 1924 l’espressione “obsolescenza programmata” non esisteva ancora, ma il fenomeno era già lì. In quell’anno, infatti, una serie di aziende produttrici di lampadine firmano un patto di non belligeranza: niente concorrenza tra loro e prodotti in commercio con la medesima ridotta aspettativa di vita. Decenni dopo il cosiddetto “cartello...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter