Materia Rinnovabile numero 4 / giugno

L'economia circolare a portata dei Comuni. E a costo zero

di Roberto Rizzo

Nella gestione degli oli usati la legislazione italiana è tra le più avanzate al mondo: impone di rigenerare tutti gli oli disponibili.  E già oggi in Italia il 30% delle basi usate per produrre oli lubrificanti è costituito da prodotti rigenerati. Ma occorre un cambio di passo. In questa direzione va letta la collaborazione  tra Viscolube e Ancitel che punta al coinvolgimento dei Comuni.

 

Ipotizziamo che un’amministrazione comunale voglia diventare parte attiva dell’economia circolare, per esempio utilizzando il green public procurement (Gpp), cioè inserendo criteri di carattere ambientale nell’acquisto di beni e servizi. Però, visto  il periodo di vacche magre, lo voglia fare  a costo zero, quindi senza spese aggiuntive...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter