Materia Rinnovabile numero 4 / giugno

Il valore nascosto delle piante

di Beppe Croce

Camaldolesi e Francescani facevano un uso del bosco che coinvolgeva la sfera dell’utile e al tempo stesso della spiritualità, della poesia e della bellezza. Quella relazione è stata frettolosamente sostituita da un approccio solo produttivistico che, ignorando la complessità, sbaglia anche i conti economici.

 

“Pianterò, Egli dice, nel deserto, il cedro
e il biancospino, il mirto, l’olivo, l’abete,
l’olmo e il bosso.” Se dunque desideri
di possedere di questi alberi in abbondanza
o se brami di essere tra loro annoverato,
tu chiunque sii, studiati di entrare nella
quiete della solitudine...

Tu dunque sarai un...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter