Materia Rinnovabile numero 4 / giugno

La nuova chimica vale 80 mila miliardi di dollari

Intervista a Rafael Cayuela

a cura di Mario Bonaccorso, intervista a Rafael Cayuela

È un cambio di epoca per l’industria chimica. La strada della sostenibilità è senza ritorno, spinta dalla necessità di rispondere alla sfida del cambiamento climatico e dell’efficienza energetica, più che dalla volatilità del prezzo del greggio. Tutto ciò si tradurrà in un’opportunità di business senza precedenti: 80.000 miliardi di dollari entro il 2050. Cambierà la materia prima (più shale gas e risorse biologiche), il tipo di prodotti (più sostenibili), i mercati e gli attori, con Europa e Stati Uniti che manterranno un ruolo di leadership ma con Brasile, Russia, India e Cina destinati ad avere un peso sempre maggiore. A parlare di questi temi con “Materia Rinnovabile” è Rafael Cayuela, autore nel 2013 di un libro che entra nel merito di quello che sarà il futuro dell’industria chimica mondiale, The Future of the Chemical Industry by 2050 pubblicato da Wiley.

Partiamo dal suo libro, che è considerato una vera e propria Bibbia dagli addetti ai lavori. Ci aiuta a comprendere dove sta andando l’industria chimica mondiale?

“L’industria chimica negli ultimi dieci anni ha iniziato gradualmente a spostare la propria attenzione dall’efficienza operativa e dalle commodities...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter