Materia Rinnovabile numero 3 / aprile

Uno strumento per l'economia e per l'ambiente

di Joachim Quoden

Se applicato correttamente, il principio della responsabilità estesa del produttore (Extended Producer Responsibility, Epr) può rivelarsi uno strumento potente in ambito di gestione delle risorse. L’Ocse definisce l’Epr un “approccio di politica ambientale secondo il quale la responsabilità di un produttore rispetto al proprio prodotto si estende anche alla fase post-consumo, coprendone perciò tutto il ciclo di vita”. Ciò significa che le aziende che immettono prodotti sul mercato, una volta raggiunta la fine del ciclo di vita, sono obbligate a raccoglierli, differenziarli e riciclarli, insieme ai relativi imballaggi. Queste aziende sono inoltre tenute a considerare il trattamento a fine vita del prodotto e dell’imballaggio già nella fase di progettazione. 

Nel corso degli anni, l’Epr è stato adottato dall’Unione europea e da diversi paesi a vari livelli del flusso dei rifiuti, inclusi quelli di imballaggio a livello comunale. Ciò ha indubbiamente migliorato le prestazioni degli imballi a livello ambientale, per esempio incrementando il riciclo dei rifiuti. Spostare la responsabilità dei rifiuti di...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter