Materia Rinnovabile numero 3 / aprile

Un tesoretto da campi e foreste, 5,5 miliardi di tonnellate che possono diventare preziose

di Aldo Femia

La “guerra per la biomassa” – ci avverte Mario Bonaccorso in un articolo nello scorso numero di Materia Rinnovabile – costituisce una prospettiva non troppo irrealistica. Se ne possono anzi già ravvisare le prime scaramucce in alcune politiche commerciali delle imprese e dei governi. La rivalità tra i diversi utilizzi potenziali delle biomasse, in effetti, si innesta ed esacerba altre guerre. Innanzitutto quella per l’acqua, che già sfocia in conflitto aperto in varie parti del mondo. 

Secondo le stime della Water Footprint Network, per una tonnellata di ortaggi, servono in media 300 metri cubi di acqua (300.000 litri); di frutta, 1.000; di cereali, 1.600; di legumi, 4.000. Coi prodotti derivati, ovviamente, va molto peggio: per 1.000 litri di bioetanolo dal mais servono 2,9 milioni di litri di acqua; per una tonnellata di burro, 5,5 milioni di...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter