Materia Rinnovabile numero 2 / gennaio - febbraio

Ancora troppe discariche e dureranno solo due anni

I confini della gestione dei rifiuti in Italia, un settore in una fase di profondo cambiamento, tra i diktat comunitari in arrivo e le prospettive di sviluppo

di Maurizio Quaranta

Il WAS – Waste Strategy, il think tank sui rifiuti e il riciclo di Althesys in collaborazione con Ama, Amiu, HeraAmbiente, Basf, Cial, Conai, Corepla, Comieco, Ancitel Energia&Ambiente, FiseAssoambiente, Ecopneus, Nestlé, FederAmbiente, Ricrea, Montello, Rilegno – ha presentato il suo WAS Annual Report 2014.

Lo scopo, attraverso un’analisi attenta della gestione dei rifiuti urbani in Italia, dell’assetto infrastrutturale e dell’evoluzione normativa nazionale e comunitaria, è fornire una visione unitaria, un quadro d’insieme dell’industria italiana del waste management e del riciclo e nel contempo proporre strategie d’impresa e politiche di sistema che integrino gli aspetti ambientali, sociali, industriali, economici, normativi e tecnologici.

Nel corso degli ultimi anni la situazione in Italia è migliorata con il calo della produzione di rifiuti e l’aumento della raccolta differenziata. Tuttavia, l’obiettivo del decoupling – il disaccoppiamento della produzione di rifiuti dalla crescita del Pil – non è ancora stato raggiunto, malgrado qualche segnale positivo tra il 2010 e il...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter