Materia Rinnovabile numero 2 / gennaio - febbraio

L'innovazione sposa il riciclo

di Giorgio Lonardi

Si fa presto a riciclare la carta per produrre altra carta. Oppure la plastica per ottenere un altro tipo di plastica. Tuttavia la partita risulta più interessante se il riuso dei materiali si accompagna alla ricerca di nuovi mercati di sbocco e di nuovi prodotti capaci di suscitare l’interesse dei consumatori. Insomma, si tratta di fare i conti con il marketing e con l’innovazione, quella vera. Una tendenza che comincia a diffondersi nel nostro paese coinvolgendo una serie di realtà di dimensioni medie e piccole che stanno sperimentando nuove formule e nuovi prodotti. Ma anche un fenomeno destinato ad allargare il mercato del riuso nel suo complesso.

Prendiamo il caso dei quaderni, dei blocchi o delle agende in carta riciclata. Si tratta di un mercato di nicchia ormai consolidato. Ma anche di un settore che nel corso degli anni da una parte ha giocato la carta del design e dall’altra è entrato nel comparto dei gadget aziendali offrendo le proprie competenze a marchi dei settori più vari...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter