Materia Rinnovabile numero 2 / gennaio - febbraio

Fare il pieno all'auto con gli scarti del whisky

» uno dei progetti dell'impianto pilota di Bio Base Europe, il primo centro di open innovation ed educazione alla bioeconomia

di Hendrik Waegeman

Creare biocarburanti dagli scarti del whisky. È solo uno dei progetti (vedi box) che vede protagonista l’impianto pilota di Bio Base Europe, il primo centro di open innovation e di educazione alla bioeconomia sorto in Europa, frutto della collaborazione tra i governi del Belgio e dei Paesi Bassi. L’obiettivo di questo impianto, unico nel suo genere nel Vecchio Continente, è ambizioso: diventare un centro di riferimento a servizio delle imprese per testare i bioprodotti made in EU. Operativo dal 2011 all’interno del Porto di Ghent, oggi il Bio Base Europe Pilot Plant è considerato un punto di avanguardia per le biotecnologie industriali, anche grazie a un riconoscimento ufficiale ricevuto dalla Commissione europea.

 

Nel 2009, nel pieno della crisi economica e finanziaria, l’Europa si è resa conto di aver perso parte della propria capacità di traino industriale rispetto alle economie emergenti. Per reagire a...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter