Materia Rinnovabile numero 14 / gennaio-febbraio

Un 2049 eco-dark

di Roberto Giovannini

Di pochi, pochissimi film si può dire che abbiano segnato e condizionato l’immaginario collettivo di intere generazioni. Probabilmente non tutti noi condivideremmo la stessa lista, ma sono pronto a giurare che tanti non potranno non inserire nell’elenco Blade Runner. Era il 1982, ormai ben trentacinque anni fa; e nonostante lo scorrere del tempo il mondo partorito dalla fantasia di Ridley Scott a partire dalla geniale immaginazione di Philip K. Dick è ancora più che mai vivo e reale nella mente di milioni di persone.

Quella che si vedeva sul grande schermo, quella in cui agiva Rick Deckard, un indimenticabile Harrison Ford, la Los Angeles del novembre 2019 (pensate, mancano solo due anni), era “vera”, credibile, reale, possibile. Per la prima volta forse l’arte cinematografica riusciva a proporre una versione plausibile, e non edulcorata, non anestetizzata, non buonista, non ripulita da...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter