Materia Rinnovabile numero 14 / gennaio-febbraio

Sostenibilità, ultimo atto

di Federico Pedrocchi

Una comunità sensibile ai problemi della sostenibilità deve essere capace di impegnarsi in prima persona. Parliamo allora di come ci si può seppellire. Dopo, ovviamente. Non in generale e arbitrariamente, voglio dire. Quando giunge il momento di abbandonare il pianeta, insomma, definizione tuttavia errata per quello che si racconta in questa pagina.

Ci sono diverse tecniche. Una si basa sul congelamento della salma in azoto liquido, con una attrezzatura che realizza questo passaggio con una erogazione della sostanza attraverso ugelli che spruzzano sul corpo disteso su una piattaforma metallica. Il risultato è una struttura che di fatto è un “ghiacciato” abbastanza fragile. A questo punto il piano metallico si...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter