Materia Rinnovabile numero 14 / gennaio-febbraio

Trasformare le ferite in racconto

Intervista a Serenella Iovino

a cura di Matteo Reale, intervista a Serenella Iovino

Quando un territorio è sconvolto da calamità naturali occorre attivare un processo rigenerativo, di ricostruzione sociale, culturale e ambientale. Ne è esempio il Cretto di Gibellina, monumento che simboleggia le ferite inferte dal sisma. E la capacità di convertirle in segni.

 

 

L’Italia è una terra fragile, sconvolta sempre più spesso da calamità sismiche che ne modificano il profilo, colpendo uomini e distruggendo borghi, insediamenti, testimonianze artistiche. Soprattutto oggi, dopo il terremoto che si è abbattuto su regioni così dense di storia del centro Italia, causando danni devastanti, anche per effetto di un mancato...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter