Materia Rinnovabile numero 13 / novembre-dicembre

Terre rare: le vitamine dell'industria moderna

di Francesco Ansaloni, Gabriele Giuli

“Se il Medio Oriente ha il petrolio, la Cina ha le terre rare”: lo disse nel 1992 il leader Deng Xiaoping. Oggi i metalli tecnologici sono essenziali per l’industria moderna: ce ne servono 125.000 tonnellate l’anno. Un futuro incerto tra monopolio della produzione e scarse possibilità di riciclo.

 

Domanda crescente. Una produzione quasi del tutto nelle mani della Cina. Margini di riciclo molto limitati. Questa la fotografia attuale del mercato delle terre rare, i “metalli tecnologici”, essenziali per un’ampia gamma di applicazioni: smartphone, microfoni, veicoli elettrici e ibridi, cuffie, auricolari, macchine a raggi X, solo per dirne alcune.

...
Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter