Materia Rinnovabile numero 13 / novembre-dicembre

Le metamorfosi della materia

Come oggi l'arte si confronta con il rifiuto e lo scarto. In equilibrio tra etica e poetica

di Carola Marzullo

Che cosa hanno in comune la ruota di una bicicletta, uno sgabello, una tanica e una lattina? Sono tutti oggetti d’uso comune che in alcuni casi hanno abbandonato la loro funzione quotidiana facendo incursione nel mondo dell’arte.

Nell’arte contemporanea, i rifiuti, le materie di scarto e i vecchi oggetti, possono assurgere a nuova vita in un nuovo contesto. Ma ri-significazione significa riciclo? In realtà non sempre, visto che ci sono molti approcci diversi che vanno dalla riappropriazione critica di oggetti e materiali, al riciclo reso esplicito come denuncia sulle questioni ambientali.

 


Ai Weiwei,Forever, 2014, Palazzo Cavalli-Franchetti, Venezia
Per gentile concessione di Berengo Studio e Lisson Gallery

 

Già l’avanguardia Dada – in particolare il...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter