Materia Rinnovabile numero 12 / settembre-ottobre

Oceano di plastica

di Roberto Giovannini

Sono molti, e spaventosi, i fenomeni che ci ricordano quanto sia esposta alla distruttiva azione dell’umanità la natura del pianeta in cui viviamo. Anche il mare e gli oceani, spazi che tradizionalmente siamo abituati a considerare sconfinati e dove si scatenano forze naturali potentissime sono stati profondamente cambiati e trasformati, anno dopo anno, nel corso della sconvolgente Era dell’Antropocene. 

L’era i cui principali segni tangibili sono l’estinzione di massa di piante e animali, lo scioglimento dei ghiacci, i miliardi di fuochi che scaricano anidride carbonica nell’atmosfera, e soprattutto la diffusione straordinaria e incontrollabile in tutti gli ambienti di una materia non esistente in natura, ma oggi ritrovata anche all’interno di organismi viventi: la...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter