Materia Rinnovabile numero 12 / settembre-ottobre

Meglio lo zucchero del petrolio

di Emanuele Bompan

Dal nuovo impianto industriale di Bottrighe appena inaugurato usciranno ogni anno 30.000 tonnellate di biobutandiolo. Prodotto senza usare una goccia di petrolio. Ma grazie a un batterio in grado di svolgere il lavoro come se fosse una nano-raffineria completamente biologica e rinnovabile. Un nuovo record mondiale della chimica verde italiana.

 

C4H10O2. Si legge 1,4-butandiolo, è un composto chimico derivato dal butano, un gas incolore ottenuto dalla distillazione frazionata di petrolio e gas naturale. Un liquido di origine fossile dunque, ampiamente impiegato come solvente e per la produzione di plastiche, fibre elastiche – come lo spandex – e poliuretano. Utilizzato anche...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter