Materia Rinnovabile numero 11 / luglio-agosto

Come cresce veloce la pianta bio

di Luciano Trentini

Assicurare la produttività dei terreni utilizzando metodi e risorse naturali, ridurre gli impatti sull’ambiente e i rischi per la salute umana: ecco come sta mutando l’approccio alla produzione agricola. E oggi nel mondo le superfici dedicate alle coltivazioni biologiche sono circa 43 milioni di ettari. 

 

Grandi volumi di produzione ottenuti grazie a una spesa crescente in tecnologie avanzate e mezzi tecnici capaci di aumentare la produttività (i concimi) e ridurre i rischi (i fitofarmaci) causati da patogeni sempre più resistenti e aggressivi. Per l’agricoltura moderna, “industrializzata”, questo è un ritratto forse parziale ma certamente...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter