Materia Rinnovabile numero 08 / gennaio-febbraio

Il maialino da Pechino

di Federico Pedrocchi

Suppergiù è grande come Snoopy, e un po’ più di un gatto. Peso intorno ai 15 chilogrammi, e quindi molto – ma molto meno – dei 100 che normalmente raggiunge un maiale. Ma è un maiale. Un porcellino, però non d’India perché lo fanno a Pechino, al Beijing Genomics Institute (Bgi). 

 

Il mercato sarebbe quello degli animali da compagnia. Funziona, dicono, perché – questo è vero – il maialino (anche il maialone, per molti aspetti) è un animale che ci piace. E ai bambini, quei rari bambini che riescono a incontrare un maialino in campagna, piace sempre moltissimo. Il progetto nasce da un intervento sul gene della crescita operato su una specie...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter