Materia Rinnovabile numero 06-07 / ottobre-dicembre

La metamorfosi di un consorzio mentre cambia l'economia dei rifiuti

di Paolo Tomasi

In 30 anni più di 5 milioni di tonnellate di olio usato raccolte, 2,5 milioni di tonnellate di basi rigenerate prodotte, 3 miliardi di euro risparmiati dalle importazioni di petrolio, 1,1 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 evitate. Risultati ottenuti grazie alla capacità di affrontare i cambiamenti. 

 

Fin dalla sua nascita, oltre 30 anni fa, un punto di forza del Consorzio obbligatorio degli oli usati è stato la scelta del modello giuridico. Il Coou è una struttura societaria di diritto privato che consorzia, in via obbligatoria, tutti i principali attori che operano nel settore dei lubrificanti: dalle grandi industrie petrolifere, a quelle che operano nella...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato