Materia Rinnovabile numero 06-07 / ottobre-dicembre

La nascita del rifiuto

di Guido Viale

Nelle culture preurbane il rifiuto era ontologicamente in continuità con l’uomo e il suo ambiente e quindi in grado di reinserirsi nei cicli biologici naturali. Ma l’avvento della società industriale ha cambiato radicalmente i termini del problema: oggi siamo alla ricerca di “spazi vuoti” dove scaricare tutto ciò che non possiamo più utilizzare. E, al tempo stesso, consideriamo la natura solo come “serbatoio” di risorse disponibili per la produzione.

 

Adriana Varella e Nilton Malz, Digital DNA, Palo Alto (California), 2005. 
Foto di Wonderlane, elaborazione grafica

 

La natura non produce rifiuti: l’evoluzione ha...

Per leggere gli articoli completi è necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter