Materia Rinnovabile numero 5 / agosto

La trappola dell'insostenibilitÓ

di Fabio De Menna, Matteo Vittuari

Oggi il sistema agroalimentare si è trasformato in un modello tecnologico estrattivo di proporzioni gigantesche. È anche poco efficiente, e scarti e sprechi rappresentano un serio problema ambientale che ha gravi ricadute economiche e sociali. Nella fase agricola vengono generati 13 milioni di tonnellate di scarti, a cui vanno sommati scarti e sprechi generati dall’industria alimentare, 3,7 milioni di tonnellate provenienti dalle lavorazioni vegetali e 9,9 milioni di tonnellate dalle produzioni animali. Occorre ripensare i sistemi produttivi mettendo in discussione come, quanto e da cosa produrre.

 

Secondo la Ellen MacArthur Foundation, un sistema economico può definirsi circolare quando è in grado di rigenerare da solo i propri stock di capitale umano, tecnologico, sociale e naturale. Alla base di questa capacità rigenerativa vi è la distinzione basilare fra flussi di materiale biologico, che possono essere reintegrati nella biosfera, e flussi di...

Per leggere gli articoli completi ├Ę necessario essere abbonati: acquista l'abbonamento qui
se sei già abbonato

Iscrizione alla Newsletter